Servizi > Vaccinazioni

Meningite: tutto quello che c'è da sapere

Le Vaccinazioni anti-meningococco, per la protezione volontaria e consapevole, in co-pagamento, sono previste in sedute dedicate e distinte dalla restante offerta.

Adolescenti 11-18 anni - anti-meningococco C e/o quadrivalente ACWY

Il Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale - PNPV 2017-2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 18 febbraio 2017, introduce nel calendario vaccinale l'offerta gratuita della vaccinazione anti-meningococco quadrivalente coniugato ACWY agli adolescenti dagli 11 anni al compimento del 18° anno: tutti i ragazzi, in questa fascia di età, potranno richiedere la vaccinazione gratuitamente presso i centri vaccinali di riferimento, sia nel caso abbiano già eseguito il vaccino anti-meningococco C nell'infanzia, sia qualora non siano mai stati vaccinati precedentemente.

Si evidenzia inoltre che, a partire dall'anno in corso, per i nati nel 2002 e poi, di anno in anno, per i nati negli anni successivi, viene introdotta, per la vaccinazione anti-meningococco quadrivalente ACWY, la chiamata attiva, tramite convocazione scritta di tutti i quindicenni.

Continua comunque l'offerta gratuita del vaccino anti-meningococco C, su richiesta, ai bambini e ragazzi fino all'età di 10 anni, non precedentemente vaccinati.

RICORDA:

  • consultare il medico curante per condividere la scelta del vaccino anti-meningococcico

  • prima della vaccinazione verrà effettuato un colloquio con il medico vaccinatore per scegliere il tipo di vaccino più adatto per età, precedente stato vaccinale e/o eventuali controindicazioni

  • non è prevista la presentazione di impegnativa medica

  • è possibile rivolgersi ai centri vaccinali indipendentemente dalla residenza

  • è preferibile somministrare un solo tipo di vaccino a seduta

  • la vaccinazione anti-meningococco C è gratuita fino al compimento del 18° anno e viene offerta a tutti i bambini tra i 13 e i 15 mesi come da calendario regionale per l'infanzia

  • i diversi tipi di vaccino anti-meningococco sono offerti gratuitamente dai centri vaccinali ai soggetti di qualsiasi età affetti da alcune patologie considerate clinicamente a rischio

    • talassemia e anemia falciforme
    • asplenia funzionale o anatomica
    • condizioni associate a immunodepressione
    • diabete mellito tipo 1
    • insufficienza renale con creatinina clearance <30 ml/min
    • infezione da HIV
    • immunodeficienze congenite
    • malattie epatiche croniche gravi
    • perdita di liquido cerebrospinale
ATTENZIONE:
  • I nati a partire dal 2017 saranno vaccinati gratuitamente anche contro il meningococco B

  • La vaccinazione antimeningococco B non è indicata per gli over 50, fatta salva la presenza di importanti fattori di rischio individuale valutati dal medico.

  • Le vaccinazioni antimeningococco C e quadrivalente non sono indicate per gli over 65, fatta salva la presenza di importanti fattori di rischio individuale valutati dal medico.

Il costo della vaccinazione a carico del cittadino è:

  • vaccinazione anti-meningococco quadrivalente A, C, W135 e Y --> circa € 43,98

  • vaccinazione anti-meningococco B --> circa € 64,95 a dose - richiede n. 2 somministrazioni

  • vaccinazione anti-meningococco C --> circa € 20,62

Il costo comprende: costo del vaccino (costo in ultima gara regionale + IVA 10%) + costo somministrazione, pertanto con successive nuove aggiudicazioni il costo potrebbe variare

Per le prenotazioni delle vaccinazioni antimeningococco in co-pagamento per adulti, bambini e ragazzi dai 2 ai 17 anni effettuate nelle sedi dell'Asst Lariana è possibile rivolgersi:

al numero verde Asst Lariana 800893526

agli sportelli vaccinali »»


oppure chiamare il Call Center di Regione Lombardia. Gli appuntamenti potranno essere fissati telefonando da rete fissa all'800.638.638 (numero verde gratuito) o da rete mobile allo 02.99.95.99 (al costo previsto dal proprio piano tariffario) dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20, esclusi i giorni festivi.

ATS Insubria invita i genitori a seguire i calendari vaccinali tanto per le vaccinazioni obbligatorie, quanto per quelle definite "facoltative" che di fatto sono raccomandate e particolarmente caldeggiate come strumento principale per tutelare la salute dei bambini e per difenderli da malattie infettive. Nel caso in cui i genitori rilevassero che, per qualsiasi motivo non è stato osservato il calendario vaccinale, è bene che si mettano in contatto con i pediatri, i medici curanti, i centri vaccinali o i seguenti numeri verdi ai quali è possibile far riferimento anche per dubbi o approfondimenti:

Il meningococco

Il meningococco si trasmette da persona a persona per contatto diretto o ravvicinato attraverso goccioline di saliva e secrezioni nasali che possono essere disperse dalle persone infette (portatori sani o malati) tramite colpi di tosse, starnuti, baci. Il batterio non si diffonde così facilmente come i germi responsabili del comune raffreddore e dell'influenza perché è un batterio molto fragile che vive pochi minuti al di fuori dell'organismo umano non sopravvivendo così in alimenti e bevande o su oggetti, giocattoli, abiti, mobili. Il meningococco non si diffonde semplicemente respirando l'aria dell'ambiente in cui è stato precedentemente il malato.

E' importante, per poter ricorrere tempestivamente alle cure mediche, riconoscere precocemente i sintomi della malattia invasiva da meningococco che può manifestarsi con un quadro clinico di sepsi o di meningite (a volte sovrapposti) entrambi caratterizzati da un esordio ed un'evoluzione molto rapidi.

Sintomi di meningite sono: rapida insorgenza di febbre, mal di testa, rigidità nucale (difficoltà e dolore alla flessione della testa sul tronco), spesso accompagnati da nausea, vomito, fastidio intenso alla luce (fotofobia), stato confusionale. Sintomi di sepsi sono: febbre, stanchezza, vomito, mani e piedi freddi, brividi, dolori articolari, muscolari, toracici, addominali, respiro rapido, diarrea, petecchie (macchioline puntiformi rosse o marroni) che possono diventare macchie rosse violacee o vescicole di sangue. Nei neonati alcuni di questi sintomi non sono presenti o non sono molto evidenti. Più comunemente nei neonati sono presenti: pianto continuo, irritabilità, sonnolenza, scarso appetito, tensione o rigonfiamento delle fontanelle, cute chiazzata, pallida o bluastra.

Ci sono dei fattori che possono aumentare il rischio di malattia:

  • età: la maggior incidenza di malattia si ha nei bambini di età inferiore a 5 anni; un secondo picco, meno elevato, si riscontra tra i 15 e 25 anni; la malattia può comunque colpire chiunque a qualsiasi età;

  • stagionalità: la malattia è più comune in inverno fino all'inizio della primavera (novembre-marzo), anche se casi sporadici di malattia si verificano tutto l'anno;

  • contatti: il rischio di malattia meningococcica è più elevato nei contatti stretti (conviventi e familiari) di soggetti infetti rispetto al rischio nella popolazione generale;

  • vita di comunità: le condizioni di sovraffollamento (grandi luoghi di ritrovo come le discoteche) favoriscono la trasmissione del meningococco;

  • alcune patologie croniche o condizioni di vita determinanti una diminuzione delle difese immunitarie: ad esempio infezione da Hiv, malattie renali ed epatiche croniche gravi, immunodeficienze congenite;

  • viaggi: esistono nel mondo aree, come l'Africa sub-Sahariana, interessate da frequenti epidemie di meningite meningococcica particolarmente durante la stagione secca.

Effettuare le vaccinazioni raccomandate dal calendario vaccinale è il modo migliore per difendersi dalle malattie prevenibili con le vaccinazioni.

I vaccini disponibili contro la malattia meningococcica sono:

  • il vaccino tetravalente coniugato attivo verso i ceppi A,C,W135 e Y e il vaccino monovalente attivo verso il ceppo C;

  • di recente introduzione è il vaccino monovalente attivo verso il ceppo B.

Il calendario vaccinale attuale, tra le altre vaccinazioni, propone la vaccinazione contro il meningococco C (una dose nel secondo anno di vita, tra i 13 e i 15 mesi; alternativamente i genitori hanno la facoltà di chiedere la somministrazione del vaccino nel primo anno di vita dal 3° mese - ciclo di tre dosi).

Il vaccino antimeningococco C è offerto inoltre gratuitamente ai ragazzi non precedentemente vaccinati, fino al compimento di 18 anni.

Altra categoria di persone cui i vaccini antimeningococco sono offerti gratuitamente e attivamente è quella dei soggetti affetti da patologia cronica determinante una condizione di rischio.

Infine il vaccino tetravalente del gruppo A, C, W135 e Y è offerto, negli ambulatori di profilassi internazionale, in co-pagamento ai viaggiatori che si recano in aree endemiche.

Bollini rosa Ospedale all'altezza dei bambini WHP certificazione formazione uni en iso 9001 2008 Areu