News dall'Azienda
vaccini
cronici
Zerocoda
percorso_nascita
29/06/2020
I pensieri di Patrizia e Nazzarena

Patrizia Mattarella e Nazzarena Cattaneo lavorano come infermiere nel reparto di Riabilitazione Cardio-Respiratoria dell'ospedale di Cantù. Sulla loro esperienza vissuta a fianco dei pazienti ricoverati per la riabilitazione a seguito del Covid-19, ci hanno girato alcuni pensieri che condividiamo.

"In questi mesi abbiamo accolto pazienti provenienti dalle terapie intensive e dai reparti di degenza per la fase acuta. Persone la cui vita è stata sconvolta senza preavviso da questo virus e che lentamente e con fatica ora escono da un percorso buio.

Pazienti dagli occhi impauriti che hanno bisogno di sentirsi dire "andrà tutto bene", portando ognuno il suo vissuto e la sua sofferenza fisica e psichica, i segni sul viso della maschera per la ventilazione portata per settimane, la tracheotomia eseguita dopo l'intubazione oro-tracheale, la difficoltà alla deambulazione dopo un lungo periodo di allettamento.

Pazienti che presentano difficoltà a concentrarsi, a ricordare, a mantenere il filo del discorso, il pensiero a volte confuso, disorganizzato e incoerente, accompagnati spesso da incubi notturni.

Il tutto in un percorso trascorso in solitudine, in isolamento obbligatorio, senza il conforto e la vicinanza dei propri cari.

Qualcuno ha dovuto affrontare oltre alla malattia anche la perdita di un famigliare o un amico.

Lo svezzamento dalla terapia con ossigeno, il risentire la propria voce dopo la rimozione della cannula, il recupero dell'autonomia respiratoria, il riuscire a fare i primi passi, riabbracciare i propri famigliari, bere una tazza di caffè offerta dall'infermiera... quanti obiettivi raggiunti ed emozioni condivise.

Perché per noi il prendersi cura vuol dire questo, non solo il "to cure" ma anche il "to care" ossia il prendersi cura di queste persone fragili, instaurando empaticamente rapporti umani che potenziano il percorso riabilitativo.

E per noi la più grande gratificazione è stata vedere la ripresa di questi pazienti, il poterli accompagnare alla porta e sentire "Finalmente la luce" come è stato per Gianbattista, arrivato dalla provincia di Bergamo.

E sono tanti i messaggi di ringraziamento e le testimonianze lasciate dai pazienti come Bruno che vuole ricordare,dopo due mesi trascorsi in rianimazione: "L'emozione più grande è stata rivedere mia moglie e le mie figlie. Un'energia positiva più potente dei farmaci".

E poi "Vi porto sempre nel cuore", sms di Stefano tornato in Puglia.

"Grazie a tutti, vi sono riconoscente" nella lettera di Ernestina.

"Dopo quattro mesi sono andato dal barbiere e vi penso sempre" e "una cosa è certa: voglio rivedervi" scrive Giuseppe da Stradella (Pv)".

Bollini rosa Ospedale all'altezza dei bambini WHP certificazione formazione uni en iso 9001 2008 Areu